Sentiero per Monte Curcio da Camigliatello Silano – Guida completa

Metti le scarpe, prendi la mappa e salta sul Treno della Sila! Unisciti a noi nel cuore di Camigliatello Silano. Il Sentiero per Monte Curcio ti svela paesaggi incredibili, storie antiche e luoghi dove rifocillarsi. Pronto per l’avventura?

Tempo di lettura: 10 minuti

Credits : instagram.com/liil_nugg

Sentiero Trekking Monte Curcio da Camigliatello Silano

Lunghezza: km 12.6

Tempo medio: 4:30

Difficoltà: Media

Segnaletica: CAI 443 + CAI 403

Partenza: Parcheggio Camigliatello Silano

Arrivo: Parcheggio Camigliatello Silano

Dislivello + : m 530

Dislivello - : m 530

Alt. Max: m 1770

Alt. Min: m 1240

Fonti d'acqua: Sì

Costo: Gratuito

Il Sentiero Monte Curcio è una gemma nascosta nel cuore della Calabria, precisamente nel Parco Nazionale della Sila. Partendo dalla pittoresca cittadina di Camigliatello Silano, in provincia di Cosenza, questo sentiero ad anello di 12,6 km offre panorami incredibili sui Monti della Catena Costiera, Monte Cocuzzo, Orsomarso e Pollino. Mentre ti avventuri, sarai avvolto dalla ricca flora del percorso, che include la macchia mediterranea, faggi, orchidee, pino laricio e molto altro. Una delle principali attrazioni lungo il percorso è il Vallone delle Sette Acque, un luogo dove la storia e la natura si fondono in un abbraccio eterno. E se ti chiedi se avrai sete lungo il cammino, non temere! Ci sono fonti d’acqua, come la Fontana di Fiuggi, pronte a dissetarti. Con una difficoltà media e un tempo stimato di 4 ore e 30 minuti, è l’escursione ideale per chi vuole immergersi nella natura senza essere un esperto alpinista. E dopo l’escursione? Potresti rifocillarti con delle deliziose tagliatelle ai funghi porcini o patate ‘mpacchiuse in uno dei ristoranti locali. Quindi, prepara le tue scarpe da trekking e lasciati guidare dalla bellezza e dal mistero del Sentiero Monte Curcio.

Percorso per Monte Curcio: Itinerario, difficoltà e consigli informativi

Il Sentiero Monte Curcio è un viaggio attraverso la natura che ti porterà a scoprire le meraviglie nascoste della Calabria. Con una lunghezza totale di 12.6 km, questo itinerario ad anello inizia e termina nel Parcheggio Camigliatello Silano. Durante l’escursione, ti troverai a camminare tra altitudini che variano da 1240 m a 1770 m. Il percorso può essere considerato un trekking di media difficoltà, rendendolo accessibile anche a chi non è un escursionista esperto. Preparati a un dislivello positivo e negativo di 530 m e a un’esperienza che dura in media 4 ore e 30 minuti. Lungo il cammino, potrai rinfrescarti grazie alle fonti d’acqua presenti, come la Fontana di Fiuggi all’inizio del sentiero.

Il fondo del percorso varia tra sterrato e asfaltato, offrendo un mix di terreni su cui camminare. Il percorso, infatti, si snoda principalmente lungo sentieri e carrerecce all’interno del bosco di faggi e pini larici. E la cosa migliore? L’esperienza è completamente gratuita! Se sei uno di quelli che si affida alle mappe GPX, ti consigliamo di consultare il link GPX del percorso per studiare distanza e altimetria. Ma il viaggio non finisce qui. Nel prossimo paragrafo, ti guideremo attraverso i punti di interesse lungo il sentiero, luoghi che renderanno la tua avventura ancora più indimenticabile.

Cosa vedere lungo il sentiero per Monte Curcio : Punti di Interesse.

Il sentiero per Monte Curcio non è solo un percorso tra la natura, ma un viaggio attraverso luoghi di interesse che raccontano storie. Ogni passo ti avvicina a un nuovo racconto, a un nuovo scorcio da ammirare.

Vallone delle Sette Acque

Situato vicino al pittoresco villaggio di Camgliatello Silano e circondato da un bosco di faggi e pini il Vallone delle sette acque è un piccolo torrente che si trasforma in una cascata che alimenta la sorgente Fiuggi.

Monte Curcio

Monte Curcio (1.768 m) è una delle vette del Parco Nazionale della Sila. Questo monte è prevalentemente conosciuto per i suoi impianti sciistici, i più moderni del sud-Italia, con la stazione cabinovia del Monte Curcio che può trasportare fino a 1800 persone all’ora. Di importante interesse scientifico è invece l’osservatorio climatico-ambientale che tiene traccia di gas serra e altri gas ed è riconosciuto come decima Riserva UNESCO della Biosfera Italiana. Ma questo tesoro naturale situato nella Sila Grande è anche luogo di numerose attività invernali e estive, come il trekking, le ciaspolate e l’orientiring. Ci sono infatti attività per soddisfare tutti visitatori, dai più tranquilli, come il birdwatching, ai più avventurosi, come escursioni a cavallo o in motoslitta. Luogo dalle caratteristiche flora e fauna, Monte Curcio è anche un grande patrimonio di biodiversità. Come in tutta l’area della Sila infatti, è casa del famoso lupo silano, ma anche di caprioli, cervi e tassi che si muovono tra faggi e abeti bianchi.

Treno della Sila

Nel cuore del Parco Nazionale della Sila, avrai l’opportunità di esplorare la stazione ferroviaria con lo scartamento più stretto (950 mm) d’Europa, situata a una vertiginosa altitudine di oltre 1400 metri. Questa storica locomotiva, soprannominata “la dama d’epoca”, serpeggia tra Camigliatello Silano e San Nicola, raggiungendo l’apice alla stazione di Silvana Mansio, posta a 1405 metri sul livello del mare. Questo gioiello ferroviario, risalente ai primi del ‘900, è stato amorevolmente restaurato da esperti artigiani, i veri guardiani di un’arte quasi dimenticata. Sono i macchinisti e i fuochisti delle Ferrovie della Calabria, gli ultimi custodi di questa tradizione, che permettono alla “dama d’epoca” di alimentarsi con carbone incandescente, raggiungendo i 650 gradi necessari per trainare i suoi storici vagoni, pieni di passeggeri entusiasti. Il Treno della Sila vanta una locomotiva a vapore FCL 353, prodotta nel 1925 dalla rinomata August Borsig di Berlino, rappresentando l’ultimo esemplare di questa potente classe di locomotive in Italia, con una potenza di 800 cv. Le carrozze, realizzate dalla Carminati & Toselli di Milano all’inizio del Novecento, offrono un’esperienza autentica con sedili in legno e finestrini che si possono aprire. E per un tocco di charme, queste carrozze presentano un “terrazzino” sia all’inizio che alla fine, per facilitare l’accesso dei passeggeri.

Camigliatello Silano

Camigliatello Silano, situato a 1300 metri di altitudine, è un gioiello turistico incastonato nella Sila Grande, attraversato dalla strada statale 107 Silana-Crotonese. Questo luogo offre una vasta gamma di alloggi, ristoranti e negozi che vendono deliziosi prodotti locali. Tra le attrazioni principali, il Lago Cecita si distingue come il bacino idrico più vasto della Calabria. Creato nel 1956 per generare energia idroelettrica, questo lago si estende su una superficie di 12,6 km² e ha una lunghezza di 7,5 km. La sua maestosa diga, alta 55 metri, trattiene 121 milioni di metri cubi d’acqua. Questo specchio d’acqua si trova tra i comuni di Celico, Longobucco e Spezzano della Sila, ed è anche conosciuto come Lago Mucone. A breve distanza da Camigliatello Silano, il Centro Visita di Cupone offre un’esperienza educativa sulla natura circostante, con sentieri, osservatori e un museo. Vicino al centro, i visitatori possono godersi un’area picnic affacciata sul Lago Cecita. La Nave della Sila, invece, è un museo dedicato all’emigrazione italiana verso le Americhe e l’Australia. Progettato dall’architetto Sila Barracco, il museo offre un viaggio attraverso la storia, con fotografie d’epoca, filmati e ricostruzioni dettagliate. Il cuore del museo è rappresentato dai TRE FUMAIOLI ROSSI, ognuno con una sala tematica che offre una visione approfondita dell’esperienza dell’emigrante. La visita si conclude con un database che elenca i nomi dei migranti arrivati in diverse città tra il 1858 e il 1920. Camigliatello Silano non è solo una destinazione turistica, ma anche un centro di produzione agricola, dove si coltivano e producono specialità calabresi come patate, salumi e formaggi.

Mappa GPX del Sentiero per Monte Curcio

Hai davanti a te una mappa dettagliata con il percorso di trekking da Camigliatello Silano a monte Curcio già tracciato. Ma non è tutto! Cliccando sul pulsante qui sotto, potrai scaricare il file GPX direttamente sul tuo cellulare. Una volta fatto, importa il file nella tua applicazione di trekking preferita, come Komoot, Wikiloc, Oruxmaps o OutdoorActive. E la magia avviene: il tuo smartphone si trasforma in un vero e proprio navigatore da trekking! La parte migliore? Non ti devi preoccupare della copertura del segnale. Una volta importato, avrai accesso alla mappa e al tracciato anche in assenza di connessione. Preparati per un’avventura senza intoppi!

Come raggiungere il sentiero per Monte Curcio e dove parcheggiare

Avventurarsi nel Sentiero Monte Curcio è un’esperienza che inizia ancor prima di mettere piede sul sentiero stesso. Il punto di partenza per questa avventura si trova nella pittoresca cittadina di Camigliatello Silano, situata nella provincia di Cosenza, in Calabria. Una volta arrivati a Camigliatello Silano, potrete facilmente raggiungere il Parcheggio a pagamento a Camigliatello Silano, che rappresenta sia il punto di partenza che di arrivo di questo itinerario ad anello. Per coloro che amano la comodità della tecnologia, abbiamo inserito un pratico bottone nell’articolo che, se cliccato, vi porterà direttamente su Google Maps e attiverà il navigatore con i dati di destinazione al punto di partenza del sentiero o al posto più vicino dove è possibile parcheggiare l’auto.

Una volta sistemata la vostra auto, siete pronti a iniziare la vostra escursione. Ma prima, ti sei mai chiesto qual è la migliore stagione per percorrere il Sentiero per Monte Curcio? Scopriamolo nella sezione successiva!

Qual è il periodo migliore per fare un’escursione a Monte Curcio?

Il Sentiero Monte Curcio offre un’esperienza unica in ogni stagione, ma alcune stagioni sono particolarmente suggestive. La primavera e l’autunno sono i periodi più consigliati per intraprendere questa avventura. Durante un’escursione a Monte Curcio a primavera, il sentiero si risveglia con una flora rigogliosa: la macchia mediterranea inizia a fiorire, i faggi si vestono di un verde brillante e le orchidee sbocciano in tutta la loro bellezza. Fare trekking a monte Curcio in autunno, invece, regala un paesaggio dai colori caldi e avvolgenti, con le foglie dei faggi che si tingono di sfumature dorate e rame. Essendo un percorso che si snoda principalmente nel bosco, potete anche visitare monte Curcio d’estate e godere della frescura regalata dagli alberi. In inverno invece il percorso si trasforma in una fantastica pista da sci, vi sconsigliamo quindi di avventurarvi in questa stagione.

La natura, in ogni sua manifestazione, rende questo percorso un’esperienza indimenticabile in ogni periodo dell’anno. Ma, una volta deciso il periodo ideale, cosa dovresti portare con te? Scopriamolo nel prossimo paragrafo quale attrezzatura portare per l’escursione a Monte Curcio?.

Cosa portarsi per l’escursione da Camigliatello Silano a Monte Curcio?

L’escursione lungo il Percorso per Monte Curcio non è particolarmente impegnativa, ma è comunque lunga. Richiede quindi una preparazione adeguata e un’atrezzatura adeguata.

Di base:

  • Mappa dettagliata del percorso o dispositivo GPS: Non lasciare nulla al caso.
  • Acqua e snack: L’energia e l’idratazione sono fondamentali. Porta acqua a sufficenza per l’intero percorso, soprattutto nelle stagioni più calde.
  • Kit di pronto soccorso: Si spera sempre che sia un peso inutile, ma è fondametale averlo a portata di mano. Perché la sicurezza viene sempre al primo posto.
  • Scarpe da trekking: Confortevoli e adatte al terreno.
  • Abbigliamento a strati: Adattabile alle variazioni climatiche.
  • Bastoncini da trekking: Aiutano a bilanciare il peso e attenuare la fatica in salita e sono un valido supporto per la stabilità in discesa.

Per un’escursione invernale:

  • Vestiti termici: Il freddo può essere pungente in montagna.
  • Cappello e guanti: Proteggono dalle basse temperature.
  • Bastoncini da trekking con rotella larga: Offrono supporto su terreni scivolosi o innevati.

Per un’escursione estiva:

  • Protezione solare: Il sole di montagna può essere ingannevolmente forte.
  • Cappello a tesa larga: Protegge dal sole diretto.
  • Repellente per insetti: La natura è meravigliosa, ma alcune sue creature possono essere fastidiose.

La preparazione è la chiave per godersi appieno ogni momento del trekking, per immergersi nella storia che ogni pietra, ogni albero del Percorso per Monte Curcio ha da raccontare. E dopo una giornata di cammino, cosa c’è di meglio di un pasto sostanzioso? Nel prossimo paragrafo, scopriremo dove e cosa mangiare vicino al sentiero per Monte Curcio.

Dove e cosa mangiare vicino a Monte Curcio?

Camigliatello Silano non è solo un punto di partenza per avventure naturalistiche, ma anche un luogo dove la tradizione culinaria calabrese si manifesta in tutto il suo splendore. Qui, la cucina tipica di Camigliatello Silano celebra i sapori autentici della terra: dalle tagliatelle ai funghi porcini alle patate ‘mpacchiuse, passando per la pasta e patate ara tjieddra. Ma dove gustare questi piatti deliziosi?

  • La Locomotiva: Una location unica, un treno d’epoca trasformato in ristorante. Qui potrete assaporare una sublime tagliatella ai porcini o un panino con cime di rapa e provola filante. L’ambiente è accogliente e l’idea di mangiare in un treno d’epoca è semplicemente affascinante.
  • Mercato Silano, Arturo Falcone: Un luogo dove l’atmosfera si fonde con la tradizione culinaria. Oltre alla grigliata e alle patate impacchiuse, potrete acquistare prodotti tipici come funghi secchi e ‘nduja.
  • Silafunghi Campanaro: Un’esperienza gastronomica che combina piatti tradizionali con un servizio cordiale e attento. L’ambiente è curato e il personale è sempre pronto a soddisfare ogni esigenza.

Dopo aver saziato il palato, la domanda successiva potrebbe essere: Dove dormire vicino al Percorso per Monte Curcio? Scopriamolo nel prossimo paragrafo.

Dove dormire vicino a Monte Curcio?

Dopo una giornata intensa trascorsa sul Sentiero Monte Curcio, nulla è più gratificante che trovare un luogo accogliente dove riposare e riflettere sulle meraviglie naturali e storiche appena scoperte. Camigliatello Silano offre diverse opzioni per un meritato riposo:

  • Hotel Tasso: Un hotel spazioso dove l’accoglienza e la pulizia sono di casa. Qui, ogni dettaglio è curato per garantire un soggiorno rilassante. Svegliarsi presto la mattina in una stanza confortevole, pronti per una nuova avventura sul sentiero, è un’esperienza unica.
  • Casa Sila: Situata nel cuore di Camigliatello, questa struttura offre tutti i comfort di casa, con la comodità di essere a due passi dal punto di partenza del sentiero. Ideale per chi desidera immergersi nella vita del paese e partire all’alba per l’escursione.
  • Agriturismo Fiorella: Un’oasi di pace immersa nella natura, dove l’accoglienza e la genuinità sono di casa. Dopo una lunga giornata sul sentiero, potrete rilassarvi in un ambiente familiare e gustare i sapori autentici della tradizione calabrese.
  • Casa Alice: Una casa accogliente e ben attrezzata, ideale per famiglie e gruppi di amici. Qui, il risveglio è accompagnato dal canto degli uccelli e dalla tranquillità della montagna.
  • Epoca in Sila: Un appartamento moderno e ben curato, dove tradizione e comfort si fondono perfettamente. La posizione centrale permette di vivere appieno l’atmosfera del paese e di partire all’alba per il sentiero.

Concedersi una notte fuori dopo il trekking, per riposarsi e godere delle bellezze del posto, o prima dell’escursione, per partire riposati e di buon ora, è sempre una scelta vincente. Scegliere il luogo giusto dove dormire è quindi fondamentale per vivere al meglio l’esperienza del Percorso per Monte Curcio.

Conclusione

Il Sentiero per Monte Curcio è un viaggio di scoperta di un territorio unico come quello del Parco Nazionale della Sila. Ogni passo, ogni respiro, ogni paesaggio racconta una storia che merita di essere vissuta e condivisa. E tu, hai mai fatto questo percorso? Facci sapere cosa ne pensi. La tua esperienza potrebbe essere una fonte d’ispirazione per altri appassionati di trekking. Condividi con noi i momenti più emozionanti, le difficoltà incontrate o le sorprese lungo il cammino.

Questo è solo uno dei meravigliosi percorsi del Parco Nazionale della Sila, un mondo da esplorare e da amare. Se hai deciso di avventurarti lungo questi sentieri, non possiamo fare altro che consigliarti anche il trekking da Camigliatello Silano a Monte Scuro. E se hai altri sentieri o mete da suggerire, non esitare! Consigliaci quale potrebbe essere la nostra prossima meta. La bellezza del viaggio sta anche nel condividere, nell’ascoltare e nel crescere insieme. Aspettiamo con ansia di leggere le tue avventure!

Domande Frequenti

Qual è la lunghezza totale del Sentiero Monte Curcio?

Il Sentiero Monte Curcio ha una lunghezza totale di 12,6 km.

Il sentiero è adatto anche ai principianti?

Sì, il sentiero è di difficoltà media, quindi è adatto sia ai principianti che agli escursionisti esperti. I principianti dovrebbero però sempre essere accompagnati da escursionisti con esperienza o da guide che possano condurli attraverso il territorio.

Ci sono punti di ristoro lungo il percorso?

Il rifugio di Monte Curcio potrebbe non essere aperto nei periodi in cui la cabinovia e le piste da sci sono chiuse. In caso voleste usufruirne, vi consigliamo di contattare il rifugio e verificare per non avere brutte sorprese. In ogni caso, nelle vicinanze di Camigliatello Silano ci sono diverse opzioni gastronomiche.

Quanto tempo ci vuole per completare l’intero percorso?

In media, ci vogliono circa 5 ore per completare l’intero percorso.

È possibile fare il sentiero con i bambini?

Sì, anche se lungo (12,6km), il sentiero può essere adatto a bambini abituati a camminare, ma è consigliabile essere sempre attenti, preparati e verificare lo stato d’animo del bambino prima di avventurarsi.

Ci sono aree attrezzate per il picnic lungo il sentiero?

No, non ci sono aree attrezzate specifiche, ma ci sono molte aree dove è possibile fermarsi e godersi un picnic immersi nella natura.

Qual è l’altitudine massima raggiunta lungo il sentiero?

L’altitudine massima raggiunta lungo il sentiero è di 1.879 metri sul livello del mare.

Il sentiero è segnalato adeguatamente?

Sì, il sentiero è ben segnalato con segnavia e cartelli informativi.

Foto dell'autore

Italiacammino

Amanti del trekking e della natura, esploriamo e documentiamo i sentieri nascosti d'Italia. Insieme a organizzazioni locali, condividiamo le meraviglie italiane. Unisciti alla nostra avventura e scopri la bellezza eterna dei percorsi italiani.

Il Sentiero dei Commenti: Condividi con noi la tua storia.

Le informazioni, i percorsi e le mappe gpx su questo sito sono puramente informative. Non ci assumiamo responsabilità per incidenti, lesioni o danni derivanti dall'uso di tali informazioni. Prima di intraprendere qualsiasi escursione, valutate le vostre capacità, le condizioni meteo, l'equipaggiamento e il percorso. Consultate associazioni di trekking locali e guide locali per informazioni aggiornate. La vostra sicurezza è vostra responsabilità. Usando le nostre informazioni, accettate tutti i rischi e responsabilità correlati. Leggi il Disclaimer »